Copy
La newsletter del primo audio-blog sul vino e l'agroalimentare in Italia
View this email in your browser

Enoagricola Blog è un progetto di Fabio Ciarla

Enoagricola festeggia un anno (o quasi) con qualche soddisfazione e alcune delusioni

Newsletter n. 21 del 21 gennaio 2016

Non poteva andare diversamente, le soddisfazioni non sono mancate così come qualche delusione, l'ultima proprio pochi giorni fa quando - dopo l'ennesimo favore fatto ad un'azienda (ma non c'entra direttamente il blog) - sono stato omaggiato di un generoso sconto del 5% sull'acquisto del vino direttamente in cantina. Solo la fatica di fare il calcolo e nemmeno mi ci ripago la benzina del viaggio. 
Anche gli errori non ce li siamo fatti mancare, ma d'altronde solo "facendo" si sbaglia, rimanere inattivi non vuol dire essere perfetti, anzi!
Insomma Enoagricola il 28 gennaio (giovedì prossimo) suggella un anno di pubblicazioni, voi che ne pensate? Ci sono suggerimenti, consigli, critiche che volete fare? Le aspetto a braccia aperte.
Il mio impegno è quello di riuscire a migliorare i contenuti e la frequenza di pubblicazione, magari orientando i post più sulla riflessione e sull'analisi rispetto alla cronaca di eventi e visite. Staremo a vedere.
Oggi però non posso non ringraziare chi ha creduto con me in questo progetto e lo supporta significativamente, ovvero Marco Pennacchini che è "la voce" di Enoagricola, ma anche lo staff di Dexma - Giorgio, Valerio e Alessandro -  che ha creato il blog e mi aiuta a renderlo sempre più fruibile. Grazie anche a Sara, la voce femminile che purtroppo per noi e per fortuna per lei ha altre cose da fare e ci ha regalato solo i primi titoli... 

E poi, ovviamente, GRAZIE a tutti i lettori e agli ascoltatori di Enoagricola, sperando aumentino di anche quest'anno.

Fabio

                    DAL BLOG                    
 
 
AMARCORD - Damiano Ciolli e Casale Certosa, il Lazio che si impegna nella giusta direzione
Il Lazio fa fatica, e tanta, per risalire la china di un mondo del vino che da anni ormai lo relega in fondo alle classifiche nazionali per autorevolezza e qualità (le colpe sono quasi tutte in casa, non cerchiamo scuse), ma ogni tanto insieme al produttore lungimirante o alla Denominazione che sa lavorare bene spuntano quelle belle occasioni di crescita comune che sono la giusta strada per arrivare a migliorarsi. Tutti.

Lo scrivevo un anno fa e ne sono ancora convinto, tante cose però sono cambiate nel frattempo come ad esempio la "location" raccontata in questo post, quel Vino e Caffè che si è trasferito e ampliato proprio prima di Natale 2015...
 
 
“Baciò un nano e disse. Sa di tappo!” questa frase, associata a due labbra carnose, campeggiava su una maglietta che ho indossato per anni. Oggi mi serve per introdurre un argomento del vino di quelli difficili e spesso affollato di luoghi comuni, ovvero le “chiusure” e i loro difetti.
Nuovo record del vino italiano negli Usa - Distribuzione Moderna

Trainata da un export che nel 2015 ha visto l’enologia italiana mettere a segno un nuovo record con 5,4 miliardi di euro stimati dei quali 1,4 negli Usa, riparte il 17 gennaio l’attività all’estero di Vinitaly International con tappe a San Francisco (17-19 gennaio) al Winter Fancy Food, a New York (7-9 febbraio) e a Miami (10 febbraio). 

Volenti o nolenti per la maggior parte delle piccole e medie aziende vinicole italiane Vinitaly rimane fondamentale per lo sviluppo del mercato interno e soprattutto per le esportazioni.
 

La grande sorpresa dell’e-commerce del vino in Italia

Siamo onesti non pensavamo che le vendite online del vino si sarebbero sviluppate con il ritmo attuale nel nostro Paese. Ci sembravano quasi scontati i ritardi di un po’ di anni fa che evidenziano come in Italia l’e-commerce del vino si evolveva molto più lentamente rispetto ad altri Paesi.Ritenevamo che il vino fosse (è) un prodotto anomalo che necessita un contatto più diretto, "fisico" con il consumatore...
WineMeridian

Se si tratta di un'operazione di marketing territoriale troppo audace o di un semplice tentativo di far soldi da parte di uno studio di comunicazione poco importa, ormai il calendario delle (seminude) contadine austriache è una specie di oggetto imperdibile nell'ambiente. O meglio, è una ricorrenza ineludibile per chi si occupa di comunicazione del vino in Italia, visto che ogni anno fin dal 2006, anno della sua prima uscita, viene ripreso e commentato e soprattutto ne vengono pubblicate alcune fotografie. 
Al link trovate il sito dell'agenzia che lo realizza e potrete vedere anche lo "storico" delle varie edizioni. Insomma, non proprio il Calendario Pirelli ma la buona volontà per non farne una cosa volgare c'è.

 

Tutto sul DNA dell’olio

La quantità recuperabile, anche se bassa, è sufficiente per gli oli monovarietali. Più complesso il discorso relativo alla possibilità di riconoscere varie cultivar presenti in miscele. La quantità recuperabile da un olio non filtrato è superiore, sia in termini qualitativi che quantitativi, rispetto a un olio filtrato. Meno DNA è presente nella matrice lipidica e più complessa è la possibilità di recuperare una sufficiente quantità per le analisi di tracciabilità
OlioOfficina Magazine

COMUNICAZIONE E FORMAZIONE - I SUGGERIMENTI DI FABIO


TENDENZE
Sono 2 miliardi e nati con lo smartphone in mano: ecco chi appartiene alla Generazione Z - Sono i ventenni di oggi, interessano chi vuole sviluppare il mercato del futuro... cioè tutti!

STRUMENTI/GUIDE
10 tool indispensabili per il Content Marketing - Analisi, produzione e distribuzione di contenuti interessanti. Sul web tutto passa da qui
Vuoi migliorare le visite del tuo blog? - Consigli utili 


STRATEGIA
Local Search: che cos’è il Local Search Marketing? - La vendita diretta nell'agroalimentare sta diventando sempre più importante, ma per aumentare il traffico bisogna farsi trovare...
Lavorare su un nuovo brand: perché avere un blog? - Uno strumento fondamentale per imporre il proprio brand sul mercato

EPIC FAIL
L'Italia che si fa male da sé: se anche Alitalia fa Italian sounding - Perché l'Italia è sempre indietro nella tutela delle proprie eccellenze? Perché è la prima a non farle rispettare, nemmeno in casa!
 

Giovedì 21 gennaio 2016 
@ 16:00 – 22:00
Hotel Michelangelo, Milano
Organizzatore: GoWine

"Autoctono si nasce": giovedì 21 gennaio 2016


Programma:
Ore 16,00 -18,30: Anteprima: degustazione riservata esclusivamente ad un operatori professionali 
(giornalisti, enoteche, ristoranti, wine bar)

Ore 18,30 – 22,00: Apertura del banco d’assaggio al pubblico di enoappassionati
Nel corso della serata breve conferenza di presentazione
YouTube
YouTube
Twitter
Twitter
Enoagricola Blog
Enoagricola Blog
Facebook Fabio
Facebook Fabio
Instagram
Instagram
Google Plus
Google Plus
Copyright © 2015 | Fabio Ciarla | All rights reserved.
Enoagricola Blog - Il primo audio-blog sul mondo del vino
Comunicazione e Formazione


Stai ricevendo questa email perché ti sei iscritto oppure perché hai partecipato ad uno dei miei corsi di comunicazione, sei un mio amico o cliente e ho pensato che potesse interessarti. Nel caso in cui non volessi più riceverla puoi cancellarti in ogni momento o puoi aggiornare i tuoi dati cliccando sui link che vedi qui sotto.

unsubscribe from this list    update subscription preferences